La strega Mattacchiona

le verifiche di RUDI LA STREGA MATTACCHIONA Di notte la strega Mattacchiona si diverte a fare scherzi. Prima di tutto mette sul fuoco un pentolone e prepara la «pozione birbantella». Bisogna versare nella pentola dieci capricci, ma non capricci qualsiasi, servono capricci davvero terribili. Quelli che fanno i bambini quando si buttano per terra e gridano perché non vogliono andare a letto. Poi occorrono dieci peli del naso di drago, e non è certo facile andarli a prendere senza svegliarlo. Una volta la strega Mattacchiona ha fatto un volo di cento metri perché il drago, sentendo il solletico nel naso, ha starnutito. Tutti gli ingredienti vanno poi mescolati e cotti con cura e, quando cominciano a uscire degli sbuffi verdastri, la pozione è pronta. La strega allora sale sulla sua scopa magica e bussa a tutte le porte dicendo: - Dolcetto o scherzetto? verso le competenze Se non le regalano dei dolcetti, la strega versa sulla porta tre gocce di pozione e... dal forno escono coriandoli che riempiono la cucina, dai rubinetti escono ranocchi che saltano ovunque, dal frullatore spruzzi di liquido puzzolente che sporcano il soffitto. R. Sabatini, in www.fantavolando.it HO CAPITO • Per la «pozione birbantella» servono: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . capricci terribili e dieci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . del naso di . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • Collega. INVENTO E SCRIVO • La strega Mattacchiona versa sulla porta due gocce di pozione e... inventa tu. • Dal televisore esce/escono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • Dalla lavatrice esce/escono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
le verifiche di RUDI LA STREGA MATTACCHIONA Di notte la strega Mattacchiona si diverte a fare scherzi. Prima di tutto mette sul fuoco un pentolone e prepara la «pozione birbantella». Bisogna versare nella pentola dieci capricci, ma non capricci qualsiasi, servono capricci davvero terribili. Quelli che fanno i bambini quando si buttano per terra e gridano perché non vogliono andare a letto. Poi occorrono dieci peli del naso di drago, e non è certo facile andarli a prendere senza svegliarlo. Una volta la strega Mattacchiona ha fatto un volo di cento metri perché il drago, sentendo il solletico nel naso, ha starnutito. Tutti gli ingredienti vanno poi mescolati e cotti con cura e, quando cominciano a uscire degli sbuffi verdastri, la pozione è pronta. La strega allora sale sulla sua scopa magica e bussa a tutte le porte dicendo: - Dolcetto o scherzetto? verso le competenze Se non le regalano dei dolcetti, la strega versa sulla porta tre gocce di pozione e... dal forno escono coriandoli che riempiono la cucina, dai rubinetti escono ranocchi che saltano ovunque, dal frullatore spruzzi di liquido puzzolente che sporcano il soffitto. R. Sabatini, in www.fantavolando.it HO CAPITO • Per la «pozione birbantella» servono: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . capricci terribili e dieci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . del naso di . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • Collega. INVENTO E SCRIVO • La strega Mattacchiona versa sulla porta due gocce di pozione e... inventa tu. • Dal televisore esce/escono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . • Dalla lavatrice esce/escono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . che . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .