Elmer è diverso

Storie della fantasia ELMER E DIVERSO C’era una volta un branco di elefanti, tutti dello stesso colore. Solo Elmer era diverso: era giallo arancione, rosso, rosa, porpora, blu, verde, bianco e nero. Elmer non era color elefante. Una notte, Elmer ebbe un pensiero sciocco: era stanco di essere diverso. Si allontanò dal branco e andò nella giungla. Vide un arbusto con le bacche color elefante e lo scosse con la proboscide. Quando le bacche furono tutte a terra, Elmer ci si rotolò in mezzo; alla fine, Elmer sembrava un qualsiasi elefante color elefante. HO CAPITO •Alla fine della storia Elmer capisce che:è impossibile essere sempre felici non bisogna essere uguali agli altri per essere felici Elmer tornò nel branco: nessuno lo riconobbe. Era molto felice. Tutti gli animali, quando lo incontravano, gli dicevano: - Ciao elefante. Dopo qualche giorno, Elmer si accorse che tutti erano seri e silenziosi. L’intero branco era triste perché Elmer non si vedeva più in giro. Anche Elmer era triste, allora urlò: BUUM!!! Tutti gli elefanti, felici, urlarono: - Evviva, questo è Elmer. Iniziò a piovere e così Elmer tornò multicolore. D. McKee, Elmer l’elefantino variopinto, Mondadori LAVORO IORealizza il tuo Elmer! Materiali: foglio da disegno, matita, cartoncini o stoffe colorati, pennarelli, forbici, colla. Disegna la sagoma dell’elefantino Elmer e traccia delle linee orizzontali e verticali su tutto il corpo. Ritaglia dei pezzetti di stoffa o cartoncino e incollali sulla sagoma; oppure colora con i pennarelli.
Storie della fantasia ELMER E DIVERSO C’era una volta un branco di elefanti, tutti dello stesso colore. Solo Elmer era diverso: era giallo arancione, rosso, rosa, porpora, blu, verde, bianco e nero. Elmer non era color elefante. Una notte, Elmer ebbe un pensiero sciocco: era stanco di essere diverso. Si allontanò dal branco e andò nella giungla. Vide un arbusto con le bacche color elefante e lo scosse con la proboscide. Quando le bacche furono tutte a terra, Elmer ci si rotolò in mezzo; alla fine, Elmer sembrava un qualsiasi elefante color elefante. HO CAPITO •Alla fine della storia Elmer capisce che:è impossibile essere sempre felici non bisogna essere uguali agli altri per essere felici Elmer tornò nel branco: nessuno lo riconobbe. Era molto felice. Tutti gli animali, quando lo incontravano, gli dicevano: - Ciao elefante. Dopo qualche giorno, Elmer si accorse che tutti erano seri e silenziosi. L’intero branco era triste perché Elmer non si vedeva più in giro. Anche Elmer era triste, allora urlò: BUUM!!! Tutti gli elefanti, felici, urlarono: - Evviva, questo è Elmer. Iniziò a piovere e così Elmer tornò multicolore. D. McKee, Elmer l’elefantino variopinto, Mondadori LAVORO IORealizza il tuo Elmer! Materiali: foglio da disegno, matita, cartoncini o stoffe colorati, pennarelli, forbici, colla. Disegna la sagoma dell’elefantino Elmer e traccia delle linee orizzontali e verticali su tutto il corpo. Ritaglia dei pezzetti di stoffa o cartoncino e incollali sulla sagoma; oppure colora con i pennarelli.