RUDI LETTURE 2

IL DRAGO CHE AVEVA PAURA DEL BUIO Nel regno di Fern il drago di corte, un giovane drago sputafuoco alto sei metri, aveva paura del buio e così, non appena calavano le tenebre, cominciava a piangere. Il drago del re di Fern aveva polmoni grandi e tanto fiato, e le sue urla si sentivano ai quattro angoli del paese. Nessuno nel regno riusciva a dormire. Uno dei consiglieri del re, fra uno sbadiglio e l’altro, suggerì ai sovrani che forse si poteva portare il drago mille chilometri lontano da lì e liberarlo. - Non ci penso neanche! - gli rispose il re arrabbiato. - Gli vogliamo troppo bene! - È un cucciolo - spiegò la regina quasi piangendo, - se lo abbandoniamo morirà! Così nessuno parlò più di abbandonare il drago e fu cercata un’altra soluzione. Allora provarono con i farmaci: il medico di corte somministrò al drago un sonnifero così potente che avrebbe fatto dormire mille uomini per anni. Al drago la medicina invece non fece alcun effetto: continuò a strillare e a piangere per tutta la notte, forse ancora più forte di prima. Ci provò anche il mago di corte con un incantesimo molto potente, ma il drago urlò tutta la notte. Quando oramai tutto sembrava inutile, si presentò al castello un bambino con un libro in mano. - Anche io, maestà, ho paura del buio - disse. - Ma la mia mamma mi legge sempre una favola per farmi addormentare e la paura mi passa. Il re voleva rimandare a casa il bambino, ma la regina insistette perché provasse. Così, mentre il sole tramontava, il bambino si accomodò vicino alla grande cuccia del drago pauroso e cominciò a leggere. Il bambino leggeva molto bene e il drago seguiva con attenzione: ascoltò la favola a bocca aperta, fino a che si addormentò. Quella notte fu la prima, dopo molto tempo, in cui tutti nel regno poterono dormire tranquilli. Il re nominò il bambino Gran favoliere di corte, poi si fece prestare il libro, perché era curioso di leggere la favola anche lui. S. Bordiglioni, Storie sotto il letto per dormire... quasi tranquilli, Einaudi Ragazzi PAROLE NUOVE • L’espressione ai quattro angoli del paese significa: agli angoli delle strade del paese in tutto il paese SCOPRO IL TESTO • Il luogo in cui si svolge il racconto è il … di Fern. • Il protagonista è il … di corte. • Gli altri personaggi sono: un consigliere del re il re e la regina il medico di corte il mago di corte la strega di un regno lontano un bambino HO CAPITO • Il drago del re di Fern è alto: tre metri sei metri • Il drago ha paura: del fuoco del buio • Il drago manifesta la sua paura: urlando e piangendo sputando fuoco • Ai sovrani del regno viene suggerito di: abbandonare il drago tenere compagnia al drago di notte • Infine il drago riesce a dormire perché: gli vengono date delle carezze gli viene letta una favola

IL DRAGO CHE AVEVA PAURA DEL BUIO

Nel regno di Fern il drago di corte, un giovane drago sputafuoco alto sei metri, aveva paura del buio e così, non appena calavano le tenebre, cominciava a piangere.

Il drago del re di Fern aveva polmoni grandi e tanto fiato, e le sue urla si sentivano ai quattro angoli del paese. Nessuno nel regno riusciva a dormire.

Uno dei consiglieri del re, fra uno sbadiglio e l’altro, suggerì ai sovrani che forse si poteva portare il drago mille chilometri lontano da lì e liberarlo.

- Non ci penso neanche! - gli rispose il re arrabbiato. - Gli vogliamo troppo bene!

- È un cucciolo - spiegò la regina quasi piangendo, - se lo abbandoniamo morirà!
Così nessuno parlò più di abbandonare il drago e fu cercata un’altra soluzione.
Allora provarono con i farmaci: il medico di corte somministrò al drago un sonnifero così potente che avrebbe fatto dormire mille uomini per anni.
Al drago la medicina invece non fece alcun effetto: continuò a strillare 
e a piangere per tutta la notte, forse ancora più forte di prima.

Ci provò anche il mago di corte con un incantesimo molto potente, ma il drago urlò tutta la notte.

Quando oramai tutto sembrava inutile, si presentò al castello un bambino con un libro in mano.

- Anche io, maestà, ho paura del buio - disse. - Ma la mia mamma mi legge sempre una favola per farmi addormentare e la paura mi passa.

Il re voleva rimandare a casa il bambino, ma la regina insistette perché provasse.

Così, mentre il sole tramontava, il bambino si accomodò vicino alla grande cuccia del drago pauroso e cominciò a leggere.

Il bambino leggeva molto bene e il drago seguiva con attenzione: ascoltò la favola a bocca aperta, fino a che si addormentò. Quella notte fu la prima, dopo molto tempo, in cui tutti nel regno poterono dormire tranquilli.

Il re nominò il bambino Gran favoliere di corte, poi si fece prestare il libro, perché era curioso di leggere la favola anche lui.


S. Bordiglioni, Storie sotto il letto per dormire... quasi tranquilli, Einaudi Ragazzi


PAROLE NUOVE

• L’espressione ai quattro angoli del paese significa:

agli angoli delle strade del paese
in tutto il paese

SCOPRO IL TESTO

• Il luogo in cui si svolge il racconto è il … di Fern.

• Il protagonista è il … di corte. 

• Gli altri personaggi sono:

un consigliere del re

il re e la regina

il medico di corte
il mago di corte

la strega di un regno lontano
un bambino


HO CAPITO

• Il drago del re di Fern è alto:

tre metri
sei metri

• Il drago ha paura:

del fuoco
del buio

• Il drago manifesta la sua paura:

urlando e piangendo
sputando fuoco

• Ai sovrani del regno viene suggerito di:

abbandonare il drago

tenere compagnia al drago di notte

• Infine il drago riesce a dormire perché:

gli vengono date delle carezze
gli viene letta una favola