RUDI LETTURE 3

leggere è PIÙ FACILE LA ZANZARA E IL LEONE Una piccola zanzara decise un giorno di sfidare il Re della foresta. Andò dal leone e gli disse: - Sono qui per lanciarti una sfida! Credi di essere il più forte, ma io non ti temo perché tu non sei affatto più forte di me. • Chi sono i protagonisti della storia? Sottolineali nel testo. • Il leone rappresenta: la pazienza la forza • La zanzara vuol dimostrare al leone di essere: più forte di lui più veloce di lui Il leone si alzò per dare una zampata alla zanzara che, agilmente, si posò sul suo naso e iniziò a pungerlo a più non posso. Il naso del leone si gonfiò come un pallone. Il Re della foresta tentò di scacciare la zanzara con gli artigli, ma si graffiò il naso e, sentendosi sconfitto, si gettò a terra. • La zanzara: vince la sfida perde la sfida • Quale dei disegni qui sotto non c‘entra con la parte che hai letto? La zanzara, sentendosi vittoriosa, volò via veloce. Ma non si accorse della tela di un ragno tessuta tra due rami e vi rimase impigliata. Non riusciva a liberarsi, e il ragno si stava avvicinando per mangiarla in un sol boccone! • Leggi la frase sotto. Poi cancella le parole sbagliate tra quelle scritte in blu. La zanzara rimane impigliata in una ragnatela / tra i rami di un albero e sta per essere mangiata / liberata dal ragno. La zanzara di mise a piangere disperata… Fortunatamente il leone, che aveva assistito alla scena, si alzò e con una zampata distrusse la tela liberando la zanzara. - Eccoti salvata, mia cara amica. Ricordati che esiste sempre qualcuno più forte di te! E questo me lo hai insegnato proprio tu! • Da chi viene salvata la zanzara? • La morale della favola viene pronunciata dal leone. Sottolineala nel testo. • Il leone dimostra di essere: vendicativo saggio La zanzara, da quel giorno, imparò a tenere un po' a freno la propria spavalderia. Esopo • La zanzara è stata troppo spavalda, cioè: sicura di sé, pesuntuosa intelligente e furba • La zanzara: ha imparato la lezione continua a sfidare il leone

leggere è PIÙ FACILE

LA ZANZARA E IL LEONE

Una piccola zanzara decise un giorno di sfidare il Re della foresta.

Andò dal leone e gli disse: - Sono qui per lanciarti una sfida! Credi di essere il più forte, ma io non ti temo perché tu non sei affatto più forte di me.





                         

Il leone si alzò per dare una zampata alla zanzara che, agilmente, si posò sul suo naso e iniziò a pungerlo a più non posso.

Il naso del leone si gonfiò come un pallone.
Il Re della foresta tentò di scacciare la zanzara con gli artigli, ma si graffiò il naso e, sentendosi sconfitto, si gettò a terra.
La zanzara, sentendosi vittoriosa, volò via veloce. Ma non si accorse della tela di un ragno tessuta tra due rami e vi rimase impigliata.

Non riusciva a liberarsi, e il ragno si stava avvicinando per mangiarla in un sol boccone!




La zanzara di mise a piangere disperata…

Fortunatamente il leone, che aveva assistito alla scena, si alzò e con una zampata distrusse la tela liberando la zanzara.
- Eccoti salvata, mia cara amica. Ricordati che esiste sempre qualcuno più forte di te! E questo me lo hai insegnato proprio tu! 


La zanzara, da quel giorno, imparò a tenere un po' a freno la propria spavalderia.



 


Esopo