Una strana scoperta

Storie di AMICIZIA UNA STRANA SCOPERTA Nel muro del giardinetto trovai un giorno alcune palline bianche, un po ovali, grosse come dei fagioli. Sembravano di gomma; infatti una cadde a terra e saltellò come una pallina. Ma che cos erano? E chi le aveva messe nel buco? A guardarle contro la luce del sole sembravano un po trasparenti. Ne spaccai una e la aprii, e vidi che dentro c era arrotolato un lucertolino! Era piccolo piccolo, ma aveva già tutte le parti del corpo ben formate: la testa, la coda, quattro zampette. E io lo avevo ucciso! Preso da rimorso riportai tutte le palline nel buco e le lasciai là. Tutti i giorni passavo a vedere se i lucertolini erano nati. Non so quanto tempo passò, ma un giorno finalmente li vidi: due uova erano spaccate e i lucertolini erano fermi al sole. Quando mi avvicinai, scapparono dentro al buco. Io e le lucertole del giardino diventammo amici: ce n erano dappertutto. Alcune grosse si godevano il sole sul muretto, io le osservavo: vedevo il loro cuore pulsare e cercavo di non disturbare. Altre erano di lunghezza media, altre piccoline. Forse erano nonni, genitori e figli o nipotini, pensavo. PAROLE NUOVE Con quali parole potresti sostituire l espressione preso da rimorso? Dispiaciuto e pentito del male commesso Per nulla pentito del male commesso HO CAPITO Secondo te, il protagonista del racconto è: un adulto un bambino Che cosa sono le palline ovali trovate nel buco del muretto? ........................................... Le lucertole osservate dal protagonista sono: tutte della stessa grandezza di grandezze diverse M. Lodi, Il cielo che si muove, Editoriale Scienza 33
Una strana scoperta